Ciambella di mele e uvette vegana

Avete mai fatto una torta profumatissima, morbidissima, sofficissima, di quelle che quando le fai assaggiare e ti chiedono la ricetta con la bocca piena e tu inizi ad elencare gli ingredienti con sguardo sardonico-beffardo a loro gli va tutto per traverso? No? Eccola è questa qui! E certo perché non è che non si possano fare le torte senza latte di mucca, senza uova e senza burro eh.. si possono fare eccome, e vengono pure buonissime! Pronti a scardinare i vostri luoghi comuni sulla cucina tradizionale?

Gli ingredienti della ciambella venusiana:

350 gr di farina 00 (lo so dico sempre che non bisogna usare la 00, ma che diamine, c’era in casa una busta aperta comprata dal marito, e a me non piace sprecare eh)

100 gr di zucchero di canna grezzo

1 cucchiaino bello pieno di bicarbonato di sodio

1 bustina di agente lievitante biologico (che poi è amido di mais e bicarbonato di sodio)

1 spolverata di cannella a piacere

1 cucchiaio di succo di mele concentrato biologico

due mele

due manciate di uvette

una manciata di semini di papavero

latte di riso q.b.

olio di semi di mais (partite da mezzo bicchiere e poi aggiustate).

Unite gli ingredienti secchi in una ciotola, farina, zucchero, bicarbonato, lievito e poi versate il mezzo bicchiere di olio di semi di mais, aggiungete le mele tagliate a tocchetti e poi le uvette e iniziate a mescolare, aggiustate di olio e di latte di riso, la consistenza deve essere cremosa come quella di uno yogurt. Alla fine aggiungete i semini di papavero. Oliate una teglia a forma di ciambella e versate dentro il contenuto. Infornate a forno caldo statico per 40 minuti buoni. Fate la prova dello stecchino per vedere se è cotta. Attenzione che i vostri ospiti non si strozzino troppo quando gli dite che dentro non ci sono né latte né uova né burro!

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

8 Responses to Ciambella di mele e uvette vegana

  1. Lutlia says:

    Succulenta 🙂 Domande da ignorantona desiderosa di apprendere:
    quale farina se non la 00?
    se uso l’amido di riso (quello del bagnetto) va bene uguale?
    l’olio di semi di mais va bene uno buono biologico?
    grazie!!!

    • laveraarte says:

      Lutlia alla prossima faccio delle prove anche io, di solito io uso integrale di farro che per le torte viene bene, oppure farina di riso, di avena. E poi bisogna sperimentare! La 00 è limitativa oltre a non contenere più nessuna sostanza nutritiva a causa dell’eccessiva raffinazione. Per l’amido di riso no, non va mica bene quello del bagnetto. Puoi usare amido di mais, si trova in bustina nei negozi bio, e provi ad aggiustare le quantità. Olio di semi di mais io uso il bio esselunga. 🙂

  2. silvia says:

    Ho tutto! la proverò senz’altro!!!

  3. laveraarte says:

    Ragazze avevo dimenticato la cannella, ho modificato il post adesso!

  4. consistentlove says:

    proprio goduriosa!
    chi l’avrebbe mai detto che l’avrei fatta come ‘regalo’ alla suocera?! 😀

  5. interessante! Due domande:
    – volendo fare da sé l’agente lievitante, va bene amido di frumento e bicarbonato, e in che dosaggio?
    – il forno a che temperatura?
    grazie, già mi lecco i baffi!

    • laveraarte says:

      Ciao Antonella, potresti provare a mettere amido di mais e bicarbonato, un cucchiaino di uno e uno dell’altro e vedere il risultato. Poi però fammi sapere perché io a volte metto solo bicarbonato, senza amido. 🙂 Il forno a 180°, io ho l’elettrico. Valuta tu sul tuo forno ma direi tra i 180 e i 200°. Aspetto di sapere se ti è piaciuta!

  6. Pingback: Ciambella di ciliegie vegana | f*art

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s