Figlie di Tanta Madre | Pasta Madre Day

Ieri è stato il Pasta Madre Day. Avrei voluto scrivere ma con Pietro che sta mettendo gli ultimi molari è già troppo se riesco a trovare un quarto d’ora nella giornata per riuscire ad andare in bagno… so già che questo sarà un mese così, all’insegna dell’attaccamento, e me ne faccio una ragione. La Pasta Madre, dicevo. Fino a poco tempo fa non sapevo neanche cosa fosse, invece ora il nostro vasetto di PM travaglia nel nostro frigorifero grazie a Daria che ci ha spacciato una Figlia, o meglio tante Figlie della sua. La Pasta Madre è una piccola magia: è figlia ed è già madre, è madre e rimane figlia. Partorisce da sola, regalandoci le sue gemme preziose. Attraversa inferno purgatorio e paradiso in un processo mitotico incessante, infaticabile. Dire che è magica è dire poco. Ma poi non è che ci sia molto da dire in realtà. Ci sarebbe molto da osservare questo magma che si muove lentamente, che cresce sospinto verso l’alto, ascoltare il suono impercettibile delle piccole bolle, delle figlie che nascono, annusare il profumo acido che rilascia. Lei sta li, nella sua tana a covare, a crescere, a generare, a duplicarsi, a modificarsi, ermafrodita. La nostra, ho deciso, si chiamerà Tiresia.

 

 

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

16 Responses to Figlie di Tanta Madre | Pasta Madre Day

  1. Daria says:

    Come hai ragione Glores! Faccio anch’io spesso questi pensieri sulla mia pasta madre (Gilda, come la mia bis-nonna)… è sempre un piccolo grande miracolo quello della panificazione naturale e le figlie sono sempre diverse: un meccanismo che sfugge al gusto omologato, alla standardizzazione, alla velocità che caratterizzano i nostri tempi e che ci unisce alle nostre bis-nonne che io immagino a panificare in casa come noi!

    • laveraarte says:

      Io lo sapevo che mi sarei appassionata, e mica solo io: Francesco è sempre tutto preso a impastare pani pizze focacce e ora anche panettoncini! La prima persona a cui l’ho spacciata (la suocera) non mi sembra tanto convinta, si lamenta che ci vuole tanto tempo, e proprio da lei non me l’aspettavo… vediamo cosa decide di fare, se ritornare ai lieviti di birra e restituirmi mia figlia o se provare ad andare avanti con l’adozione.. 😀

  2. chiara&annina says:

    mi sento in compagnia! la nostra si chiama Lucilla XD
    che belle parole!

  3. Barba... says:

    la mia è morta tre volte 😦
    Spero di riuscire a dargli vita prima o poi o magari me ne spacciate un un pò della vostra 🙂
    Complimenti per la tua Tiresia

  4. Valentina says:

    Che bello!!! Io mi son presa ieri, per la prima volta, un pugno di pasta madre dalla Daria… e oggi è già attivo, sta lievitando la mia prima focaccia!!! Che magia, ne sono entusiasta!!!!!

  5. Elisabetta says:

    io l’ho scoperta in questi giorni…beata ignoranza! aspetto la mia dose-figlia in settimana per vedere se sarò in grado di accudirla come si deve, Mi pare di capire che diventerà un nuovo elemento della famiglia! non vedo l’ora di provarla…da come l’hai descritta sembra che avrò un barattolo di poesia e filosofia nel frigo! grazie!

  6. maria grazia says:

    ho appena impastato il pane per domattina con il mio crescente(madre) datomi circa sei anni fa.Non sappiamo più farne a meno! Ho (anche) appena scoperto il tuo bolg grazie a Equazioni, ci tornerò sicuramente!

  7. Pingback: Pasta-nonna (resoconto del Pasta Madre Day) | | Gocce D'AriaGocce D'Aria

  8. Pingback: Il 'nostro' Pasta Madre Day | Mestiere di Mamma - educazione, infanzia, maternità sostenibile

  9. Hardcoredemamma says:

    La mia ha solo due mesi ma l’ho fatta nascere io!, con manitoba acqua e yogurth greco. Già dal primo pane era buonissima!, né mai acida né amara e viveva solo da tre rinfreschi! Sono soddisfazioni:) questo pane e patate peró sembra buonissimo, lo provo di sicuro!, a quanto ne so l’impasto DEVE essere molle sennó poi diventa granito:) il tuo com’era? Era buono oltre che bello?

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s