Sciopero… del vasino!

Quando ho deciso che era arrivato il momento di togliere il pannolino a Pietro, o meglio quando Pietro ha deciso che non ne voleva più sapere di vedere un pannolino, ne ho parlato con lui e poi un giorno abbiamo fatto il grande passo. Siamo usciti senza pannolino. E la cosa è andata molto bene. Nonostante tutti ti guardino come una marziana se togli il pannolino a tuo figlio di venti mesi e facciano delle facce come se gli stessi facendo chissà quale violenza, Pietro era pronto per togliere il pannolino. Tant’è che nel giro di poco gliel’ho tolto anche di notte con inaspettato successo! Purtroppo però dopo un paio di settimane dal giorno in cui abbiamo tolto il pannolino a Pietro è venuta una brutta gastroenterite e ha avuto per circa una settimana la diarrea. E’ stata davvero molto dura, soprattutto per lui, che aveva appena acquisito con orgoglio il suo nuovo status di bambino senza pannolino, perché la diarrea proprio non riusciva a controllarla e se la faceva addosso. Noi per parte nostra siamo stati pazienti e non siamo tornati al pannolino, ma ci siamo armati di tante mutandine e pantaloncini di ricambio. Lui ci rimaneva male, e noi gli spiegavamo che questa cosa era indipendente dalla sua volontà e dalla sua raggiunta capacità di controllo, che purtroppo nei giorni successivi alla guarigione sembrava perduta, se non per la pipì, sicuramente per la popò. A quel punto spettava a noi osservare Pietro e capire quando stava per farla e portarlo prontamente in bagno, ma non sempre ci riuscivamo e soprattutto lui non voleva più saperne di farla nel vasino. La pipì si, ma il resto no, gli piaceva farla sul pavimento. E’ andata così per qualche mese. Mi sono accorta che se era fuori mi avvisava e andavamo in bagno a farla, ma se era in casa sua, nel suo ambiente, gradiva molto di più lasciare un “segno” del suo passaggio per terra…

Come tutte le cose l’abbiamo presa con filosofia, con molta calma e santa pazienza, armati di straccetto ogni volta pronti a ripulire il malloppo dal pavimento. A quel punto era chiara la sua volontà a non farla più nel luogo deputato, non si trattava più di controllo perso… stava proprio facendo lo sciopero del vasino!

Quando siamo tornati dalle vacanze la mia preoccupazione si è fatta più pesante perché pensavo al reinserimento all’asilo e al fatto che non sapevo cosa sarebbe successo visto che quasi tutti i suoi compagnetti oramai sono come lui senza pannolino, mi preoccupavo anche di dover caricare le maestre di questo lavoro in più, dover ogni volta cambiare e magari pulire dove aveva lasciato il suo segno… e mi dispiaceva pensare che tutto il percorso fatto per l’educazione al vasino era andato bruciato. Così il primo giorno di asilo ho parlato con la sua maestra spiegandole tutta la situazione e lei ha capito e mi ha rassicurata tantissimo dicendomi che non c’era nessun problema, che lo avrebbe seguito e incoraggiato in questo percorso. Beh manco a dirlo il giorno stesso quando sono tornata a riprenderlo la maestra mi ha accolto con un enorme sorriso e mi ha detto che Pietro aveva fatto la cacca nel waterino! Da quel giorno ha ripreso a farla anche a casa nel vasino. La fa, svuota il vasino, la saluta, tira lo sciacquone e dice “Buon viaggio nel mare delle cacche!”

Io non so cosa sia intervenuto, qualunque cosa sia lo ringrazio! E ringrazio anche la sua maestra sempre accogliente e pronta a proseguire le nostre scelte e ad accompagnare nostro figlio nel suo percorso.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

6 Responses to Sciopero… del vasino!

  1. Barbara says:

    anche Matteo ha attraversato questa fase, senza un motivo apparente. Questa estate poi la tratteneva per giorni pur di non interrompere i giochi e ovviamente si faceva il tappo, ragadina e necessario clisterino (che pena povero cucciolo!). Ora va meglio e tutto orgoglioso dice “l’ho fatta senza clitterino!!”

    • Tiz says:

      Io questa del tenersela pur di non “perdere tempo” in bagno l’ho appena passata con quello di 8 anni…
      Comunque anche a me qualcuno ha detto che era troppo presto per Febe, che ora ha 22 mesi. All’inizio dell’estate abbiamo iniziato le prime prove, nel senso che aveva il suo vasino e la lasciavo senza pannolino. Lei ha capito presto il meccanismo, ma poi ha anche deciso che quel nuovo gioco era noioso e ha ricominciato a farla di qua e di là. Tanta pazienza, qualche faccia scocciata (la mia pazienza ha un limite… purtroppo). Poi c’è stato los coglio “mutandina”: se era nuda chiamava, se sentiva indosso le mutande no. Adesso fuori chiama sempre, sempre, non gliene scappa una già da due mesi. In casa, invece, devo ricordarglielo io più spesso, lei dice sempre di no, che non le scappa salvo poi farla quando la siedo sul water. Oggi, però, ci ha stupiti: mentre guardava i Barbapapà, quindi era tutta concentrata, si è alzata dal divano ed è andata sul vasino, si è seduta e ha fatto la pipì… da sola e senza che glielo ricordassimo. Ho appena detto (poco prima di leggere il tuo post!) a mio marito che la dichiaro ufficialmente spannolinata di giorno!

      • laveraarte says:

        Ambè ma io mica gli facevo gli applausi quando la faceva per terra eh! Ogni volta gli spiegavo che il posto giusto dove farla erano il vasino o il water… e lui lo sapeva benissimo.. mi diceva “No qui”… birbantello!

  2. Tiz says:

    eh… lo sanno… Mia mamma racconta: mio fratello non voleva sentire ragioni di fare la cacca nel vasino o nel water, solo nel pannolino. A lei scocciava doverglielo mettere solo per quello (anche perché mica erano usa e getta!) e una volta in cui lui era arrivato a dirle “ho fatto cacca” appena dopo essere stato cambiato lei è sbottata “Be’, adesso te la tieni!”. Il giorno dopo si è presentato da lei con la solita aria, ma stavolta le dice “adeso mea tengo!” =D

  3. donatella says:

    bravi voi e brava la maestra, ne conosco alcune che avrebbero preteso nuovamente il pannolino! 😦

  4. Barbara says:

    …il mio bimbo quando mi vede poco .. fa sciopero della pipì.. se passo una giornata intera con lui invece ricomincia a dirmelo.. penso sia protesta… patato mio 😦

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s