Vita da spiaggia 2 – passeggino e piscinetta

Madre padre e bambina di meno di un anno, a occhio e croce tra gli 8 e i 10 mesi. Arrivano in spiaggia tirando faticosamente il passeggino, il papà piazza l’ombrellone e la bambina viene seduta sul passeggino, cinturata per benino e messa sotto l’ombrellone. I genitori si spogliano si spalmano creme e cremine, si aprono sdraietta lui e lettino lei, incominciano con italianissime letture la gazzetta lui e novella 2000 lei. La bambina intanto sta li, non dice nulla, non fa nulla, è molto competente. Ad un certo punto cerca di attirare l’attenzione dei genitori emettendo qualche urletto, la madre dopo un po’ si alza e chiede al padre di gonfiare la piscinetta. Stendono un telo da mare, ci posizionano sopra la piscinetta e ci infilano dentro la bambina con il pannolino e sopra il pannolino un costumino molto vezzoso. Il padre si risiede e riprende la lettura mentre la madre intrattiene la bambina con canzoncine di ogni sorta, per più di mezzora non sta mai zitta. La bambina è molto stimolata e molto contenta, si agita nell’acqua, e si sporge cercando di toccare la sabbia ma le viene impedito e non appena le sue manine prendono contatto con i granelli di sabbia la madre le intima il “NO” e le lava subito la manina. La bambina cerca più e più volte di toccare la sabbia ma la madre continua a intimarle il no, le dà delle pacchette sulla mano e ogni volta la sciacqua. La bambina inizia ad agitarsi e a piangere. A questo punto la madre parla con il padre che si alza e cerca qualcosa nella borsa, sollevano la bambina, le tolgono il pannolino zuppo di acqua e l’asciugano. La bambina sembra giovare di questa liberazione e sembra felice, sorride. Ma immediatamente viene letteralmente placcata da entrambi i genitori che iniziano una lotta greco-romana per riuscire a metterle un pannolino pulito. La bambina inizia a piangere disperatamente, si dimena, scalcia, si oppone con tutte le sue forze, inutilmente. Le viene infilato un pannolino asciutto e viene messa nuovamente nel passeggino, le viene infilato in bocca il ciuccio a forza. La madre le si para davanti, abbassa la cappottina del passeggino e inizia a sbatacchiare a destra e a manca il passeggino. La bambina sputa il ciuccio e piange disperatamente allungando le braccia. Nulla da fare. La madre è irremovibile. Sbatacchia sempre più forte il passeggino fino a che la bambina si arrende a cade stremata nel sonno. La madre copre il passeggino con un asciugamano “non le passerà neanche una bava d’aria” penso io. La madre si ricompone e si rimette sdraiata al sole a leggere di gossip. Quando la bambina si risveglia le viene concesso un bagno al mare sempre corredata di pannolino ma questa volta con un altro costumino vezzosissimo. Finito il bagno stessa scena: le viene cambiato il pannolino tra gemiti e lamenti. Di nuovo sul passeggino pronta per la pappa. La madre tira fuori un vasetto con una bella etichettina arancione e un cucchiaino. Si mangia. Per almeno una decina di giorni questa scena si è ripetuta ogni mattina, e non ho mai visto la bambina appoggiata sulla sabbia. Ancora oggi ci penso e non me ne capacito.

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

10 Responses to Vita da spiaggia 2 – passeggino e piscinetta

  1. cristina says:

    Io non riesco a vederle queste cose. Capita, spesso, spessissimo, mi alzo e me ne vado da un’altra parte. Certi genitori vorrebbero impedire anche a mio figlio di toccare la sabbia e 1 mamma in particolare voleva (facendo la simpatica) “fargli la multa” perche’ era nudo (18 mesi) … l’avra’ ripetuto 3 volte in 5 minuti. Poi le ho detto gentilmente: “Se lo ripeti ancora mi spoglio anch’io, cosi’ fai la multa anche a me.” Non lo ha + ripetuto.

  2. Daria says:

    Oddio! Che scena tremenda Glores! Mi vien da piangere per quella bambina… pensare quanto si divertono i bimbi in spiaggia… Elena ha mangiato tanta di quella sabbia… (a proposito eccola qui: http://www.goccedaria.it/2011/08/22/tutti-al-mare/ senza pannolino – solo mutanda e canotta visto che faceva frescolino e con banana a merenda) Veramente non c’è limite alla mancanza di empatia verso i bambini di certi adulti…

  3. cecilia says:

    concordo!!! anche Amalia ha mangiato sabbia a cucchiaiate… ci ficcava dentro la faccia! per nn parlare poi della cacca e pipì fatta sulla spiaggia! siamo proprio mamme degeneri! hihihi

  4. Francesca says:

    E’ così triste e purtropop così comune………………. Ma cosa si può fare per scuotere sti genitori perfetti?????? Inutile dire che i miei sono grandissimi assaggiatori di sabbia, pisciatori provetti e rigorosamente senza pannolino, magari col costume (e solo perchè sono io pudica, fosse per loro starebbero sicuramente meglio nudi). non riesco ad essere empatica, ma per la bambina e per tutti quelli nelle sue stesse condizioni provo una IMMENSA pena……………… immensa………….

  5. Chiara Savoi says:

    sembra una scena esagerata, di quelle scritte per impressionare ma purtroppo è vera…quante volte l’ho vista anche io…..naturalmente se si prova anche gentilmente a far ragionare la mamma si ottiene un secco “è mio figlio, ci bado io e so io come fare”. peccato….

  6. si, grandissima pena x quei bambini, e tanta angoscia.
    Inutile dire che invece Ale porta sulla cattiva strada tutti i bimbetti che incontra. che poverini, vengono sgridati per essersi insozzati le scarpine puma bianche con del terriccio quando lui se va bene sta sguazzando seminudo in una pozzanghera fangosa… 😉

  7. Mamma mia che angoscia che mi hai messo, Glores!!!
    Però, pure la mia ha i costumini vezzosi hihihihi!!! Ma senza pannolino!
    E la sabbia mai sulle mani… direttamente in bocca, alè!|

  8. Tiz says:

    Noi andiamo in Croazia in vacanza, quindi niente sabbia. A parte un anno a Medulin , ma a Luca la sabbia non piace… ci sono anche bambini così… e ovviamente uno è capitato a me!
    Però ho le foto di Tabita a 15 mesi a Bol dove assaggiava tutti i sassi della spiaggia… credo li avesse ormai catalogati per sapore/colore! Anche le conchiglie sono succulente, per non parlare dei sassi del Piave! Io penso che i miei figli abbiano degli anticorpi che se qualcosa si avvicina loro scappa appena li vede!
    Come voi anch’io mi chiedo il perché di certe cose… insomma, non sono più anni in cui i figli li devi fare per forza… goditi la vita in giro per il mondo a leggere gossip e calciomercato e non rovinartela con quegli esserini puzzolenti/piangenti che poi ti tocca tirati dietro ovunque… anche loro credo che ti ringrazzierebbero…

  9. elenaX7 says:

    credo che se questi genitori potessero vedere me, avrebbero i conati di vomito a riguardo e mi giudicherebbero una madre da denuncia…non sono al mare ma bisogna vedere come entrano in casa i miei figli la sera dopo una giornata in giardino tra sabbia, piscina, e terra, scalzi, tutto il giorno in mutande o al limite una maglietta, con un bel pannolino lavabile più spesso senza mutandina o se proprio vogliamo fare gli eleganti col pul colorato, a volte nudi (i due più piccoli) se vanno in piscina o con un costumino che rimane addosso bagnato, tanto fa caldo, eredità dei fratelli più grandi…alla fine della giornata una bella doccia e via!E posso dire con certezza:ma chi è più felice di loro??Guardo le loro facce abbronzate e sorridenti e capisco che per loro questa è vita e che sono fortunata per il fatto che posso fargliela fare.Oddio, se questi genitori ci vedono, sono certa però che gli verrebbe un “coccolone”…ma per fortuna non ci vedono :DDD

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s