Ancora marmellate: frutti di sambuco!

Per la prima volta ho fatto la marmellata di sambuco e sono rimasta stupita da questa pianta con la quale si possono fare tantissime cose nonostante la sua tossicità. Il sambuco è quella pianta che si vede spesso sui bordi delle strade che all’inizio della primavera produce delle infiorescenze bianche bellissime con cui si fa uno sciroppo dal sapore delicato, e che in estate si trasformano in grappoli di bacche che sembrano delle perle nere che hanno al centro una pallina color argento.

Sono già bellissimi da guardare, ma da maneggiare durante una marmellata sono un’immensa sorpresa. Per chi come me trova un grande gusto nell’affondare le mani dentro le cose, i frutti di sambuco sono molto belli da toccare, da spremere, da osservare mentre perdono il loro sanguigno succo violaceo. Farne una marmellata o uno sciroppo è un’esperienza tattile molto bella. Del sambuco è bene sapere qualche informazione sulla tossicità: le bacche non mature sono tossiche e i semi contengono cianuro, quindi è bene stare attenti e non assaggiarli crudi quando non sono ancora maturi. Le bacche maturano a fine agosto ma a crudo non sono buone, ho provato ad assaggiarne una e mi ha legato molto la bocca… quindi sono passata subito alla fase di produzione di marmellata che contiene tantissima vitamina C e sarà un ottimo toccasana durante l’inverno!

2 kg di bacche sgranate

1 kg di zucchero grezzo di canna

agar agar

Sgranare le bacche e metterle a bagno. I rametti rossi sono bellissimi  -sembrano proprio dei coralli- e si possono utilizzare per far giocare i bambini, Pietro le ha usate per fare degli alberelli nella sabbiera. Volevo provare a farli seccare ma nel giro di poche ore hanno perso il loro bellissimo colore e si sono scuriti. Ho messo i frutti sgranati e lavati in un grosso scolapasta per farli sgocciolare un pochino poi li ho messi dentro al pentolone con lo zucchero e l’agar agar e ho acceso la fiamma… il profumo è dolce e nauseabondo, ma il risultato è bellissimo! Sei barattoli di marmellata dalla consistenza perfetta che non vedo l’ora di aprire…

La marmellata di sambuco ha un effetto lassativo… quindi usatene una giusta quantità a seconda delle vostre necessità!

Advertisements
This entry was posted in Uncategorized. Bookmark the permalink.

3 Responses to Ancora marmellate: frutti di sambuco!

  1. Daria says:

    Io l’avevo preparata l’anno scorso quando avevo un po’ più tempo… molto buona! Quest’anno anche se la cosa mi invogliava proprio non riuscivo ad organizzare un pomeriggio di sgranaggio sambuco, mi vedevo già Elena completamente viola! Peccato per Alice che mi chiede di raccoglierlo quando lo vede per strada…

  2. laveraarte says:

    Però forse puoi fare quello che non sono riuscita a fare io perché siamo partiti: raccoglierlo, passarlo e usare il succo per tingere…. io se ne trovo qui in Sardegna me ne porto via una bottiglia per usarlo a Milano con dei gomitoli di lana grezza che ha mia suocera! Scommetto che Alice sarebbe entusiasta! 🙂

  3. Pingback: Marmellata di sambuco | Il Pasto Nudo

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s